Apes_urbanae

Apes Urbanae

Le Apes urbanae sono tutti coloro che hanno contribuito alla formazione di quell’articolato fenomeno della cultura europea noto come la Roma barocca, ovvero i mecenati, per lo più di ambito ecclesiastico, gli eruditi di origine italiana e straniera e gli artisti che rispecchiano la medesima provenienza internazionale. Questa cultura romana del Seicento, sempre raffinata e in apparenza omogenea per chi oggi la guarda in retrospettiva, lascia in realtà intravedere in controluce, se analizzata al microscopio, numerose tensioni e molteplici fratture: tensioni tra umanisti e apologeti religiosi, tra cattolici romani, greci ortodossi e gallicani, tra italiani e stranieri, tra artisti spiritosi e un pubblico poco preparato o semplicemente tra carrieristi di ogni genere in concorrenza tra di loro.
Trattando di alcuni dei personaggi più famosi dell’epoca, tra i quali Francesco Barberini, Cassiano dal Pozzo, Niccolò Alemanni, Leone Allacci, Jean Morin, Antonio Bosio, Gian Lorenzo Bernini, Nicolas Poussin, Jean Mabillon e Francesco Bianchini, sono proprio tali contrasti che il presente libro vuole tratteggiare.

copertina CASTELLUCCIO X INTERNET

Rifiorire

dal Terremoto

Un catalogo fotografico ricco e toccante, che racconta al lettore le emozioni di 33 fotografi già raccolte nella mostra itinerante “Rifiorire dal Terremoto” interamente no profit, a totale beneficio di Castelluccio di Norcia e, in particolare, dell’Associazione “Per la Vita di Castelluccio di Norcia” ONLUS.

Ogni artista ha voluto descrivere il proprio rapporto con questo piccolo borgo solitario dominante un’immensa piana, esprimendo ammirazione e rispetto per ciò che era e, purtroppo, per ciò che è oggi dopo i tragici eventi che l’hanno colpito.

Alle splendide foto si alternano pensieri e componimenti, lavori di scrittura creativa e di arte realizzati dai ragazzi dell’Istituto Comprensivo “Anna Molinaro” di Montefiascone in un’altalena di impressioni emozionanti, tracce, impronte e sensazioni sfiorate, sperimentate e infine condivise con tutti coloro che, fulminei almeno tanto quanto lo è stato il terremoto, hanno voluto lanciare subito un appello di solidaria verso chiunque l’abbia voluto cogliere.

Sanna

Lucania Express

Estate di inizio anni ’80, torrida e apparentemente senza fine. Un movimentato viaggio in treno condurrà due amici, Gianluca e Antonio, in un paesino della Lucania, dove pochi giorni prima è stata trafugata dalla chiesa madre la statua del Santo Patrono.

Gianluca, giovane appassionato di cinema sperimentale, intende approfittare della parentesi estiva per stendere soggetto e sceneggiatura di un nuovo mediometraggio. Antonio, pungente e ironico nullafacente, dopo una parentesi migratoria al nord Italia, fa ritorno nella propria terra d’origine.

A compiere il furto per conto di don Crescenzo, arrogante boss della malavita pugliese, sono Rocco e Capozzola, pastori erranti nelle assolate contrade lucane.

Lena, giovane doppiogiochista d’eccellenza, nonché sfrontata ammaliatrice giocherà un ruolo determinante nella resa dei conti finale.

Lucania Express è un romanzo nel quale i toni aspri del dramma vengono diluiti dalle sfumature di ironia di alcuni dei personaggi. Nel racconto resistono gli ultimi scampoli di una terra ancora intrisa di superstizione e magia. Nel ritmo e nella vivacità dell’azione, negli scenari di un sud arroventato e sulle strade ferrate e d’asfalto dove si incrociano i destini dei protagonisti, riecheggiano atmosfere da “road movie”.

Roman_Svizzera

Ma perché non

sono nata

in Svizzera?

Una storia d’amore

Lucrezia, calligrafa milanese, vive quella che si potrebbe definire una vita da sogno: un lavoro che la appassiona, un compagno che la ama, un appartamento “trendy” in casa di ringhiera.

Ma… il “ma” è rappresentato dalle cinquanta candeline che la protagonista si appresta a spegnere.

E, con lo scoccare dei cinquanta, sono in agguato insoddisfazioni, pericolosi bilanci, paura di non piacere, di non piacersi più.

Ed ecco apparire, all’inesorabile cena di classe con i compagni di liceo, il figlio trentenne, bello e dannato, di un suo “fidanzatino” dei tempi della scuola, che la condurrà sulle montagne russe dell’amore ritrovato, della passione, della disperazione e di molto altro.

In bilico fra il giallo, il noir e il romanzo sentimentale, Ma perché non sono nata in Svizzera? Una storia d’amore, una love story in salsa milanese, ironica e divertente, disperata e struggente, si muove nella cornice di una Milano a tratti misteriosa, magica come non l’avete mai letta.

Pubblicazioni

  • Interline@ (narrativa)
  • Saggi LI (saggistica)
  • La coda dell'occhio (poesia)
  • Policromie (arte)
  • Cultura ed educazione in Europa

Distribuzione

Per le modalità di spedizione e pagamenti consultare la sezione di Distribuzione

Servizi editoriali

  • Servizi editoriali: progettazione e grafica, editing, redazione, impaginazione
  • Traduzioni
  • Gestione servizi tecnici: videoimpaginazione, elaborazione grafica, fotolito, stampa offset e digitale, legatura
  • Gestione abbonamenti, cellophanatura e spedizione di periodici e riviste

LuoghInteriori è in grado di soddisfare le esigenze del cliente, dalla progettazione sino all’allestimento delle pubblicazioni

Premio Letterario Città di Castello