Tivoli

Un nuovo

Grand Tour

a Tivoli

Un nuovo Grand Tour a Tivoli si inserisce con grazia e consapevolezza nelle tradizione di “viaggi d’autore” che trova spazio nella collana “Il Vero Viaggio”, regalandoci un racconto delizioso e originale, ispirato dalle fascinazioni degli itinerari suggeriti dai grandi viaggiatori del passato.
Il libro ha infatti raccolto l’invito a raccontare Tivoli e la sua Villa d’Este, una delle tappe privilegiare dell’antico Grand Tour in Italia, attraverso l’ingegno cosmopolita e multiforme del suo autore turco Aziz Gökdemir, che non solo ci ha offerto un nuovo punto di vista per la collana, ma anche il suo impegno per un mondo veramente e compiutamente interculturale, libero da paure e moltiplicatore di viaggi, incontri ed emozioni.

Ariccia

Ariccia

Il “quaderno del viaggiatore” riporta idealmente a quelli usati dagli artisti durante il loro viaggio studio in Italia che, tuttavia, diversamente da essi non è composto dagli schizzi ma dalle opere finali, ossia da oli e incisioni ottenuti da quei primi abbozzi che gli autori usavano fare prima di riportare la scena sul supporto definitivo. Il sistema usato seguiva l’esigenza di trovare la veduta “perfetta”, ciò li spingeva nei posti più nascosti e meno battuti fino a quando non trovavano quella “giusta”, appuntandosi velocemente, durante il percorso, quei particolari che li colpivano e che in seguito avrebbero ricomposto nella visione finale.

Il periodo di tempo che andremo a trattare è quello che va dal Seicento alla fine dell’Ottocento con un riferimento più recente, come fosse un passaggio di testimone, all’ultimo dei cultori viventi del territorio, Giuseppe Colognesi, del quale pubblichiamo un bellissimo acquerello del 2002 di Palazzo Chigi. Questo lasso di tempo coincide con la fase storica più recente e di massimo splendore per l’attività artistica nella zona dei Castelli Romani, quando artisti di diverse nazionalità giunsero a Roma e nella Campagna romana immortalando luoghi e personaggi tipici di quell’epoca conosciuta da tutti come il Grand Tour.

Il nostro è un tentativo di rinverdire l’interesse per Ariccia attraverso le riproduzioni di un tempo in cui la pratica della pittura en plein air ha reso immortale il nostro territorio, la nostra storia, i nostri costumi, scegliendo di farlo con la leggerezza di una piuma, attraverso una raccolta iconografica di quei paesaggi e di quei costumi che ci hanno resi noti al mondo, con l’auspicio che possa stimolare una conoscenza più approfondita sia dei fatti che dei personaggi che si sono susseguiti in più di due millenni.

L’ambizione è di stimolare, attraverso un lavoro agevole e di facile lettura, un approfondimento della storia del territorio anche negli stessi ariccini che, pur lontani dalla letteratura, potrebbero essere attratti dalla curiosità di trovare le differenze o le comunanze del paesaggio attuale con quello riprodotto nelle opere degli artisti, oppure stimolati a cercare il punto di vista dell’autore in quei posti a loro ben noti e quindi spinti a una ricerca anche letteraria a completamento di un personale accrescimento culturale.

Velletri

Velletri

Con poche pagine è stata ricostruita la storia di Velletri cadenzata dalle incisioni che, dal 1579 alla fine del Novecento, ci hanno “tramandato” le vedute, le piante e i costumi che, l’inesorabile trascorrere del tempo e forse ancor più l’ingiuria degli uomini, avevano in gran parte impietosamente cancellato con un colpo di spugna.
Convinti che con i libri, più che un vaso da riempire si debbano accendere dei fuochi, speriamo di riuscire a stimolare alla lettura soprattutto i giovani, così aprendo una finestra sulla loro mente che aspettava solo un’occasione per affacciarsi sulla storia bimillenaria della città di Velletri. E se riusciremo a interessare anche un solo lettore in questo nostro percorso, più iconografico che letterario, ci sentiremo ripagati della fatica affrontata per il solo merito, come recita un vecchio adagio, di avergli messo le ali certo che poi avrebbe imparato a volare da solo.
E poiché è proprio dal passato, o meglio dalla comprensione dei valori irripetibili di questo, che scaturisce quella spinta che catapulta l’uomo nel futuro, si è cercato di dar corpo alle vecchie generazioni ricostruendo idealmente l’habitat nel quale gli uomini dell’epoca ormai trascorsa vissero e operarono proprio attraverso le stampe e, commentandole con l’apporto di chi nelle varie epoche le ha utilizzate, riteniamo che queste si animeranno con la parola e il linguaggio si colorerà con le immagini.
Tali considerazioni, che spero siano anche le vostre, ci hanno dato la forza e il coraggio per intraprendere un “viaggio” lungo cinquecento anni – alla ricerca di una Velletri “sparita” direbbe Ettore Roesler Franz – pur consapevoli che non c’è nulla di più “noioso” al mondo che leggere un ennesimo libro su questa città tranne, forse, scriverlo.

Venier

“Essere”

un essere umano

Un “saggio di umanità” in senso lato, sagace e intelligente, ricco di considerazioni e riflessioni di una vita professionale e non solo, sul nostro “esistere” come esseri umani.
Un discorso capace di abbracciare l’umanità in ogni sua manifestazione, passando per la consapevolezza di operare in un campo influenzato da forze non solo psicologiche e biologiche, ma anche socio-culturali, economiche e spirituali.
Dissezionata con precisione chirurgica, l’umanità si definisce nel rapporto con la natura, la ragione, il corpo e la parola; nel significato di amore e spiritualità, di libertà e limitatezza.

Pubblicazioni

  • Interline@ (narrativa)
  • Saggi LI (saggistica)
  • La coda dell'occhio (poesia)
  • Policromie (arte)
  • Cultura ed educazione in Europa

Distribuzione

Per le modalità di spedizione e pagamenti consultare la sezione di Distribuzione

Servizi editoriali

  • Servizi editoriali: progettazione e grafica, editing, redazione, impaginazione
  • Traduzioni
  • Gestione servizi tecnici: videoimpaginazione, elaborazione grafica, fotolito, stampa offset e digitale, legatura
  • Gestione abbonamenti, cellophanatura e spedizione di periodici e riviste

LuoghInteriori è in grado di soddisfare le esigenze del cliente, dalla progettazione sino all’allestimento delle pubblicazioni

Premio Letterario Città di Castello